Le verità choc su Casaleggio. Tutto quello che Grillo non dice


casaleggio-movimento-5-stel

Boom  della nostra VIDEOINCHIESTA su Gianroberto Casaleggio.

Le verità nascoste sul duo (Grillo/Casaleggio) che vuole “moralizzare” l’Italia. L’inchiesta mostra come il Movimento 5 Stelle sia la riproduzione del modello di business dell’ex società di Casaleggio e non il frutto della spontaneità degli attivisti. Con un’intervista esclusiva a un Project Manager che ha lavorato per anni con “il cervello di Grillo” e che conosce già l’epilogo dei progetti del “guru”

E’ Casaleggio che comanda nel Movimento, sostengono tutti gli attivisti espulsi. Ma del passato del “guru” di Grillo si sa ben poco. Per l’ex comico è un ottimo manager. Pochi però sanno perché fu allontanato dalla vecchia società che gestiva, la Webegg spa-Telecom. Nell’ ‘azienda vigevano dei comandamenti e c’era addirittura una stanza a forma di uovo spaziale, visibile nella sede di Bologna, dove il guru si riuniva per sentirsi nel futuro.

Ed ecco dove finiranno i 50 milioni di euro pubblici (ora diventati 81) che arriveranno ai futuri gruppi parlamentari del Movimento 5 Stelle




BOLOGNA – Solo in un monologo di Beppe Grillo ti aspetteresti la storia di un manager che somiglia ad Angelo Branduardi e che con 15 milioni di euro di buco di bilancio nel pedigree riesce a farsi passare per “guru”! Ma forse no!

Vi ricordate cosa diceva l’ex consigliere del Movimento 5 Stelle Giovanni Favia nel Fuori-onda a Piazza Pulita su La7?: Casaleggio è il “guru” che ha costruito il Movimento di Grillo. E’ lui che comanda. E’ il padre padrone. Prende per il culo tutti.

Quella sera alcuni ex dipendenti della Webegg spa, la società di cui Casaleggio era amministratore delegato, si ritrovano in internet e commentano: “Sta succedendo quello che sappiamo già. Finalmente se ne stanno rendendo conto!”

video-grilloMa di cosa dobbiamo renderci conto? Cosa sanno gli ex collaboratori di Casaleggio che noi non sappiamo? Li abbiamo incontrati. E in parallelo consultato centinaia di documenti.

 

IL BUCO DA 15 MILIONI DI EURO

Casaleggio a cavallo del 2000 è amministratore delegato di Webegg spa, società Olivetti. Olivetti ne vende la proprietà nel 2002 al suo principale cliente, Telecom Spa già di Roberto Colaninno che era anche precedentemente in Olivetti (quello delle scalate dei Capitani Coraggiosi ma che aveva anche dato vita sempre nel 2000 a Netikos spa; nel CdA Casaleggio e Michele Colaninno; Roberto Colaninno lascia Telecom nel 2001 ). Niente male per Casaleggio che è un semplice perito informatico! Tutto bene fino a che diventa nuovo azionista di maggioranza Tronchetti Provera. Infatti subito dopo, nel 2003, Casaleggio viene mandato via. Guardando i bilanci, la sua gestione risulta disastrosa come riporta anche la stampa specializzata (Computerworld online del 15 giugno 2004). La Webegg si ritrova con un drastico calo del fatturato: – 26% nel 2003. Infatti ci sono buchi di 1milione 932mila euro nel 2001 e di 15 milioni 938mila euro nel 2002, su un fatturato di 26 milioni di euro. E meno 60% dei ricavi nel 2002 rispetto al 2001 sui clienti del gruppo Telecom. Gli azionisti definiscono “un piano pluriennale di risanamento” con una “drastica riduzione dei costi di gestione… e ridimensionamento del budget rivolto alla comunicazione”, la dismissione delle aziende che Casaleggio aveva acquisito per costruire un modello particolare di azienda in rete, oramai non considerato “più strategico e coerente col core-business della società”. Gli azionisti devono risanare l’azienda e alla fine venderla, chiudendo anche tutte le società connesse. La gestione Casaleggio succhia ingenti risorse economiche

Il Beppe Grillo implacabile scopritore di scandali direbbe: Con questi buchi di bilancio e con un diploma da perito informatico quale impresa privata ti riprende? E invece no. ll comico genovese che mette alla berlina i manager fallimentari ed esempi dell’italianità più ridicola anche nel 2012 in un comizio tra i fans di Pistoia ripete sicuro che Casaleggio è “un ottimo manager!”
Ma in cosa e perché spendeva l’Amministratore Delegato Casaleggio? Ce lo mostrano le testimonianze del Project Manager Mauro Cioni (che ha lavorato in tutta la compagine per 10 anni) e di altri dipendenti che non sono voluti apparire. Ma soprattutto i documenti dell’epoca.Manifesto-grillo-web

 

LA STRATEGIA DI CASALEGGIO. FIDELIZZARE I GIOVANI

La strategia aziendale di Casaleggio in Webegg è il modello Web company americana, con quelle classiche formule del marketing “made in Usa”. Casaleggio assume giovani, fa la parte del “capo amico di tutti”, ma c’è sempre lo psicologo, nei ritiri in monastero per affiatare il gruppo. Nell’impresa non esiste una differenza tra il tempo libero e quello lavorativo. Lui è oltre. Ha un modo diverso di concepire la vita: bisogna fare qualcosa che ti piace, in cui credi e dai il massimo…all’azienda però. Per vendere di più del prodotto devi essere quel prodotto e non semplicemente promuoverlo. Insomma se avete mai preso in mano un manuale americano di marketing o motivazionale ne trovate a iosa di questa roba. I giovani, come dichiara nell’articolo “Dolce Vita” su Logica Interview, sono guidati da qualcosa di più dei soldi; bisogna dar loro la possibilità di partecipare al cambiamento, di avere responsabilità e se una persona è motivata e felice questa rende di più. Quindi il successo per l’azienda è garantito. E allora Casaleggio cosa fa? Prende anche giovani inesperti e dà loro grandi responsabilità e ottimi stipendi. Vi ricorda qualcosa del Movimento 5 Stelle!? Ma andiamo avanti.

La Webegg è rappresentata da un uovo. Casaleggio fa costruire all’interno delle tre sedi della società, ovoMilano, Torino e Bologna proprio una stanza a forma di uovo, stile “Star Trek” come dice lui stesso nelle riviste di settore. Con pavimento d’acciaio, colonnina comandi tutta metallica con pulsanti colorati, la tecnologia è completamente occultata e attivata con i raggi infrarossi “per dare fin dal primo impatto la sensazione della proiezione nel futuro”: stile navicella spaziale del capitano Kirk; tutti dentro, lui, i dipendenti, i clienti e la stampa.

E Casaleggio? L’amministratore delegato di una società che lavora con banche, assicurazioni e la Telecom, per sentirsi nel futuro si chiude in una stanza a forma di uovo!? “Drogarsi come tutti gli altri no?!” direbbe il Grillo che conosciamo. Ma invece il comico genovese sembra molto sicuro o facilmente incline alla bufala quando parla del “guru” che lo ha portato al centro della scena mediatica italiana. Sempre a Pistoia ripete ai suoi fans che dubitano su Casaleggio. “Lui gestiva la Olivetti, l’informatica di Telecom, 10mila persone sotto. Non è mica l’ultimo arrivato!” Olivetti? Telecom? Non risulta affatto. E dai bilanci emerge anche nero su bianco che di dipendenti Casaleggio ne abbia avuti, a seconda dei periodi, da un minimo di 200 persone a un massimo di pochi più di 718 persone (al 31 dicembre 2002) ! Non di più!

Mentre Webegg perde 15 milioni di euro l’impresa ha anche una squadra di calcio aziendale. E La gestione Casaleggio con trattamento da sceicco affitta voli charter per dipendenti e familiari, tutto gratis ovviamente per loro, per recarsi a Praga e nel resto d’Europa, per il torneo aziendale “Logica world cup”.

E così mentre l’azienda riduce anche il personale ed aumenta il carico di lavoro per i dipendenti si racconta l’aneddoto di uno di questi che abbia posto la domanda ai superiori: “Praga!? Chi paga!?”; ottenendo come risposta non proprio amichevole. Dulcis in fundo, i grandi eventi come la “Notte degli oscar”, feste faraoniche a fine anno con scenografie holliwoodiane, show di comici famosi come la Littizzetto, Aldo Giovanni e Giacomo, Luttazzi, Bertolino. Casaleggio a fare un po’ il “Pippo Baudo” della serata. E nomination per premiare chi dell’azienda si era distinto durante l’anno.

 

I COMANDAMENTI DEL “GURU” E IL MOVIMENTO 5 STELLE

La società di Casaleggio ha addirittura 12 comandamenti, affissi ovunque nell’azienda in manifesti con le uova. E Casaleggio fa realizzare un video sui comandamenti e lo distribuisce a tutti i dipendenti.20121121_203848

Studiandoli in profondità si trovano non poche corrispondenze tra i comandamenti di Webegg e il Movimento 5 Stelle oggi. Vediamone solo alcuni, ad esempio il comandamento 9.“Assenza di competitività interna” molto simile al principio di eguaglianza del Movimento 5 stelle, dove ogni attivista vale uno (il motto “Uno vale uno” ). O il 5 Teamwork, dove si decide che il sistema di lavoro deve essere per gruppi funzionali, simile al modello di aggregazione dei Meetup dove le persone lavorano su singoli temi funzionali. O il comandamento 2.Responsabilità sul risultato che ricorda le “Semestrali” dei grillini quando i cittadini confermano o meno la fiducia ai consiglieri del Movimento 5 Stelle. Il comandamento 6 Protezione totale delle persone, che ricorda quando Grillo interveniva in aiuto dei singoli colpiti da un provvedimento giudiziario ingiusto (cosa che fa sempre più di rado). O il 4 Il divertimento come forza creativa. Tutto il Movimento si basa sulla divertente figura di un comico, Grillo, che usa l’umorismo come registro comunicativo con i cittadini. Le sue parole ti suscitano delle emozioni che creano il coinvolgimento e non un ascolto passivo. Al pubblico resta impresso un’emozione positiva e non semplicemente le parole di un comizio. Una tecnica di comunicazione ben nota agli addetti ai lavori (usata nella Programmazione Neurolinguistica)

Nel video i comandamenti vengono sempre rappresentati con un film (come vedrete nella video-inchiesta). E spicca su tutti il comandamento 8 L’Invenzione continua del business che il “guru” rappresenta in un modo del tutto particolare e che da quel tocco in più di personalità: Con Totò, che nel film “Totò truffa ’62” vende la Fontana di Trevi ad un credulone!

Chiusa malamente l’esperienza di Webegg Casaleggio continua a portare le società nel web e diventa un personaggio pubblico nel 2005 quando fonda il blog di Beppe Grillo, pianifica i V day, organizza i meet up del Movimento e il Movimento 5 Stelle con la nuova società la Casaleggio Associati.
Come sostengono molti attivisti il Movimento non nasce spontaneamente dal basso ma dalle strategie di Casaleggio. Ad esempio anche il Meet up N°1, la piattaforma di aggregazione del Movimento nella città di Milano, nasce il 10 giugno 2005 da un ex-dipendente Webegg, Maurizio Benzi, poi assunto da Casaleggio nella sua nuova azienda, la Casaleggio Associati, un mese prima che Grillo stesso proponga ai suoi fans, il 16 luglio 2005, di usare i Meet up come piattaforma di aggregazione. Lo stesso Benzi oggi è candidato alla Camera per il Movimento nella circoscrizione Lombardia 3.

casaleggio-di-pietro-grilloTutto quindi fa pensare che questo Movimento sia la riproduzione del modello di business dell’ex società di Casaleggio. E non sia nato dalla rete, da cittadini che spontaneamente si sono messi insieme. I cittadini si aggregano su un modello già pianificato e proposto dall’ alto. Infatti Casaleggio e Grillo fanno credere che la loro rete di attivisti sia il luogo dell’orizzontalità e della libertà assoluta, esente da censure. Ma nella realtà il Movimento comunica sul loro sito e non su un piattaforma aperta, i commenti possono essere omessi o anche manipolati dalla società al vertice, come sostengono tantissimi attivisti. E come in ogni azienda se non accetti le regole sei fuori da ogni consesso, come è successo a molti di loro.

 

LA COMUNICAZIONE, IL POTERE, IL DENARO

Oggi la Casaleggio Associati, ultimo bilancio consultabile 2011, ha un passivo di circa 57mila euro ripianato dai soci. Con il supporto di analisti di bilancio abbiamo messo a confronto l’azienda passata, la Webegg spa e quella presente, la Casaleggio Associati srl, con imprese del settore, ma in attivo, come la Accenture spa (capofila del settore ICT). Le aziende del “guru” hanno
sempre gli stessi problemi, spese sproporzionate per il personale e le materie prime, in percentuale così alta da determinare un buco di bilancio.
A conferma che la gestione Casaleggio richiede sempre ingenti risorse economiche.

Portare una società nel web infatti non vuol dire creare solo un sito ma un “ambiente internet” intorno a quella società e ai suoi prodotti. La discussione dovrà alimentare centinaia se non migliaia di altre discussioni, in grado di influenzare i consumatori e l’opinione pubblica. Quindi c’è bisogno di risorse e uomini che muovano questo consenso.

La comunicazione è potere e da la possibilità di essere visibili. Magari riciclando le strategie di Webegg-Telecom, come abbiamo visto. Ed è Grillo stesso che ci dice in un filmato (guarda la Video inchiesta) quale possa essere il fine manageriale di Casaleggio: visto il miracolo che gli è riuscito con il Movimento adesso nasce la possibilità di avere altri clienti.
Cosa già sperimentata in politica da Casaleggio, come ci ha raccontato il penalista ed ex esponente dell’Idv Domenico Morace che ha seguito la gestione della Casaleggio e le spese dell’Italia dei valori di Antonio Di Pietro dal 2006. Con l’avvento di Gianroberto Casaleggio il bilancio dell’Italia dei Valori del 2006 riporta la spesa Internet aggregata ad altre voci per un ammontare totale di 1milione 305mila euro. Nel 2007 la voce siti Internet è unica: 469.173 euro. Lievita ancora nel 2008 ed arriva a 539.138 euro

“La Rete è politica” sostiene ancora più esplicitamente Casaleggio in un”intervista del passato (Data Manager 2001) ma ”per apprezzare la rete bisogna darle una dimensione culturale, solo in un secondo momento si può cominciare a fare business” perché “da la possibilità di cambiare gli equilibri”.soldi_in_mano2

Quegli equilibri che possono darti potere e portarti in Parlamento. Ed è anche denaro. Quale? I 10 milioni l’anno destinati ai gruppi di Camera e Senato del Movimento 5 Stelle. Pochi sanno infatti che gli attivisti per candidarsi alle prossime elezioni politiche hanno dovuto sottoscrivere un accordo al buio. Come dal regolamento di Grillo: in sostanza sarà una società di comunicazione decisa da Grillo stesso a parlare per i Deputati e i Senatori del Movimento. Gestirà circa 10 Milioni di euro l’anno (6,3 alla Camera; 3,7 al Senato; i dati sono calcolati sui numeri ufficiali delle due Camere),
che diventano 50 milioni di euro per una legislatura completa,
visti i circa 100 parlamentari attribuiti al Movimento, oltre ai loro singoli stipendi. Non sappiamo ancora quale sarà il nome ufficiale della società che gestirà tutte queste risorse. Ma di certo sappiamo che con 50 milioni euro la forza di convinzione e di trasformazione degli equilibri può alimentare molto altro denaro.

Sarà per questo che in Italia è sempre meglio fondare un partito che gestire un’azienda!

87commenti
  1. Str

    9 febbraio 2013 at 14:56

    Sono talmente choccato che me vado su altro blog….

    Rispondi
  2. fabio

    9 febbraio 2013 at 15:04

    Incredibile, quasi surreale. Ma perchè non lo fate leggere a tutti e non lo pubblicate?
    Mi viene la pelle d’oca. E’ vergognoso. Lo dovrebbero leggere tutti quelli che sono in buona fede e che credono che Grillo sia il nuovo Messia.

    Rispondi
  3. Angelo Marra Gaud

    9 febbraio 2013 at 19:08

    per Str …Si il blog del tuo datore di lavoro, Casaleggio

    Rispondi
  4. Francesco

    9 febbraio 2013 at 20:00

    Scusate avete descritto l’azione marketing di Berlusconi degli ultimi 30 anni?

    Rispondi
    • Franco T.

      2 marzo 2013 at 20:16

      Casaleggio dice: ”per apprezzare la rete bisogna darle una dimensione culturale, solo in un secondo momento si può cominciare a fare business”…..Berlusconi ha fatto esattamente il contrario, e continua a dare lavoro a più di 50.000 persone, Casaleggio con gli utili (inesistenti) della sua azienda non da da mangiare neanche alla sua famiglia.

      Rispondi
      • Franco T.

        2 marzo 2013 at 20:19

        P.S. : oltre a “guardate cosa fanno gli altri” per distogliere l’attenzione, non avete altri argomenti..?…o quanto scritto quassù è tutto falso?….ditecelo perché se è cosi….

        Rispondi
      • luisa alessandrelli

        16 aprile 2016 at 07:39

        un perito informatico che parla di cultura seguita a bluffare con la povera gente onesta ma ignorante. parla di cultura senza nulla conoscere. e così la maggior parte dei parlamentari che mi fanno rabbrividire con i loro interventi in parlamento. la distanza di stile e di cultura tra loro e la presidente della camera è abissale. sono senza vergogna. quanto a casaleggio da vivo ritengo che fosse solo un gran furbone. glisso su grillo per prudenza.

        Rispondi
  5. Francesco

    9 febbraio 2013 at 20:01

    In primo luogo, tra le cose che molti rimproverano a Beppe e Casaleggio sono proprio alcuni elementi di gestione. Gli si chiede di cambiarli proprio da moltissimi di noi attivisti.
    Ma principi del MoV, sulla politica concreta, e le azioni che sta facendo, sono una rivoluzione.
    In secondo luogo, fa un po’ ridere tutto questa dietrologia sulla politica di marketing del MoV da parte di Casaleggio. Che ci sia un marketing non è di per sé una colpa, ed è ciò che la maggioranza dele aggregazioni sociali fanno, anche la più semplice associazione.
    Ma la dietrologia vuole insinuare che questa strategia si serva della retee del suo marketing per pilotare le persone.
    Bene, allora vi chiedo: sareste così accurati anche per quello che avete vissuto finora?
    Una italia in mano a Berlusconi, con 3 televisioni più il controllo delle reti rai quando era presidente, con un rincoglionimento culturale di oltre vent’anni, con un partito che è SOLO un ufficio marketing ambulante, con gente scavata non si sa dove, yes men e yes women pronti a mangiarsi i soldi pubblici in cambio di una schiaciata di bottone!
    Con una lobby di sinistra che ha mercificato il bene pubblico, facendo il patto con quell’uomo non toccandogli le televisioni, regalandogli la tassazione all’1% con D’Alema, con Violante che sputtanò tutti in Parlamento (il video gira in rete), partiti, che fanno scalate alle Banche! con un disprezzo per la cosa pubblica, calpestando continuamente i referendum e la volontà dei cittadini!
    O queste sono associazioni di carità?
    Ma dove avete vissuto fin ora?
    E ora state qui a esagitarvi, gridando “state attenti a Casaleggio, potrebbe essere una nuova dittatura”.
    Come mai i soldi in sicilia non sono stati “gestiti” per gli scopi loschi di questa dittatura? Come mai gli stipendi sono andati alle PMI siciliane? Come mai c’è il documento della Corte dei Conti che ufficializza che l’unica formazione politica che ha lasciato già 3 milioni di euro alle Regioni è il M5S? E come mai è già stato ufficializzato che lasceremo come MoV circa 100 milioni di rimborsi al WALFERE dello Stato italiano (ovvero i cittadini!!!), gli unici a rispettare il referendum del ’94???
    Per essere una dittatura è iniziata male!!!… e in questo sono d’accordo con voi, Casaleggio non è un buon manager-dittatore.
    Infine nessuno ancora ci ha detto tutto questo cosa c’entra con le azioni e le attività che un gruppo di cittadini riesce a fare sul territorio, come ripubblicizzare la gestione dell’acqua, puntare alla filosofia rifiuti zero, istituire nei comuni i referendum comunali, anche abrogativi, in modo che i cittadini possano esprimersi. Forse anche tutti i cittadini che poi andranno a partecipare ai referendum locali sono pilotati con un chip dalla Casaleggio?

    Aspettando la dittatura della Casaleggio, noi faremo cose buone per i nostri paesi e si spera per la l’Italia. Quando Casaleggio farà il colpo di Stato, allora chiederemo scusa SOLO ed esclusivamente per quello, che rispetto alle scuse che ci devono tutti gli altri, sarà sempre la metà della metà della metà della metà della metà della metà (periodico) della Dittatura avuta fin ora da PARTITIPOLITICIBANCHEFINANZAGIORNALITELEVISIONILOBBYCRICCHECASTECAPITALISTIDIRAPINAMANAGERDASSALTOMAFIOSICOROTTICORRUTTORI etc. etc. etc.

    Rispondi
    • Franco T.

      2 marzo 2013 at 20:41

      Scusa Francesco parli di politica concreta, bene. Vorresti, ad esempio, spiegarmi dove troverete la copertura per l’istituzione per il reddito di cittadinanza? E non venirmi a rispondere con un generico “con la lotta all’evasione fiscale”. Visto che vi ritenete i più competenti, sbandierando a destra e a manca i vs. titoli di studio (che poi uno può essere un eccellente neurochirurgo ma se lo metti alla guida di un’azienda non è detto che funzioni….), ci sarà pure tra di voi qualcuno che ha le competenze, che ha studiato la questione ed è in grado di rispondere con dei dati e delle proposte davvero concrete.
      Un’ultima curiosità, visto che ne parli: come funziona l’erogazione dei finanziamenti alle PMI della sicilia? Avete costituito una O.N.L.U.S.? una fondazione? Chi decida quanto e a chi destinare i fondi? Secondo quali criteri? Dove bisogna inoltrare la domanda per accedere a tali finanziamenti?
      Ora, a parte le ricevute fiscali delle pizzerie che vi pagate con i vostri soldi, credo che un seri segno di trasparenza per cominciare potrebbe essere questo….il resto, perdonami ma è propaganda. Compreso l’insulso del “c’é di peggio”.

      Rispondi
  6. Pippo

    10 febbraio 2013 at 09:54

    Infatti Francesco per me le strategie comunicative di Grillo sono del tutto analoghe a quelle di Berlusconi. È non mi sembra che grillo sia proprio un esempio di democrazia. Anche solo per il fatto che non si sottopone a domande. I suoi interventi sono unidirezionali. Io vedo solo protesta e poche soluzioni veramente fattibili. Di gente che non sa come Funzionano le cose. Ho visto troppe volte chi arriva da fuori alle amministrazioni con la spocchia di dire adesso vi faccio vedere io come si fa, ritenendo tutti quelli che c’erano prima degli assoluti deficienti. Dopo aver fatto dei gran danni si rendono conto (quando va bene) che bisogna prima capire le cose per cambiarle e che la teoria deve fare i conti con la realtá, che a volte non è così cattiva e sbagliata come vi sembra.

    Rispondi
  7. genny

    10 febbraio 2013 at 16:23

    ma non riesco proprio a capire…..c’è un così grande spiegamento in campo per trovare qualcosa che non va per il movimento 5stelle, che questo mi sembra surreale…..perchè lo stesso non è stato fatto per il Pd o Pdl…..infondo infondo, mica ha candidati collusi con la mafia con tanto di sentenza …..infondo infondo, non ha candidati che si sono fatti rifondare le mutande , o tesorieri che si sono ciullati milioni di euro …..bhà vedete voi ma io voto Grillo , alla grande!!!!

    Rispondi
  8. Pippo

    10 febbraio 2013 at 17:18

    @genny Se sei convinta tu! Io voto Scientology. Mica hanno rapporti con la mafia con tanto di sentenza o tesorieri che si sono ciulati milioni di euro. Eh come la mettiamo

    Rispondi
  9. Zel

    10 febbraio 2013 at 19:13

    a parte un mare di chiacchiere che si autoconfermano, come se ripetendole ogni 5 righe diventassero delle prove di sé medesime, gli unici fatti che escono sono che Casaleggio non è laureato (e sticazzi, chi frequenta aziende sia industriali che di servizi – e non solo aziende – sa benissimo che questo aspetto conta molto relativamente per determinare il livello sia delle persone, che del loro apporto professionale), e che tende a fare buchi a causa del fatto che remunera eccessivamente i dipendenti. Insomma l’unico fatto sostanziale è che Casaleggio molla stipendi troppo alti.
    Al che uno, anche scettico su altri aspetti di Grillo (come le recenti sparate sulla sperimentazione animale), si dice: “averne, di cattivi così!!”.

    I cattivi che vedo io, fanno fare alla gente 50 ore per orari di 36 non pagando lo straordinario, e facendosi firmare dimissioni in bianco da usare se uno si ammala o si stufa di fare lo straordinario obbligatorio non pagato.

    Rispondi
  10. Ernesto Caroli

    10 febbraio 2013 at 21:15

    Siete troppo svegli. Il grillino medio che è un ignorante non vi capisce. Grazie per quello che fate. Questo è il nuovo che avanza

    Rispondi
  11. Pino Bifano

    10 febbraio 2013 at 23:59

    ma perché vi ostinate così tanto a dire che Casaleggio ha fondato il mov 5 stelle all’unico scopo di intascare i soldi dei finanziamenti pubblici ai partiti quando si è già visto che 3 milioni di euro sono rimasti alla regione Sicilia e quelli che arriveranno saranno destinati al welfare.davvero credete che se si intascassero i soldi (quantificati in un centinaio di milioni di euro ) tutti gli attivisti e tutti i seguaci di Grillo nella rete non direbbero niente?la sostanza e’ che noi non sapremo mai dove vanno a finire i dane dati al pd al Pdl e a Casini mentre quello che succede nel m5s sarà sempre e Cmq ben visibile in rete.secondo me queste sono solo polemiche tendenziose che fanno solo gli interessi dei soliti ladri di partito che stanno tremando alla sola idea di dover rinunciare alle loro pensioni d’oro .ricordo che i quasi 1000 parlamentari ci costano solo come stipendio più di 1.000.000.000fi euro all’anno senza contare il resto dovrebbero rinunciare almeno al 70 %. dei loro introiti e vivrebbero dignitosamente lo stessoSolo per questa eventualità il m5s si merita il voto degli italiani stanchi e stufi di queste angherie .così non si può sicuramente andare avanti il popolo e arcistufo

    Rispondi
  12. remo granocchia

    11 febbraio 2013 at 18:04

    Son tutte chiacchiere non c’è un documento che dimostri un furto, una appropriazione. Lo si sbeffeggia perchè è un semplice perito e poi si ammette che gestiva una azienda con 712 dipendenti a cui assicurava viaggi e vacanze faraoniche. Siete proprio bischeri. Se volete denigrare una persona dovete essere credibili e non cosidetti ex dipendenti cacciati via perchè incapaci o lavativi. Se poi come sostenete che la mente del movimento è lui, allora tanto di cappello se con 4 vaffanculo arriva al 20%.

    Rispondi
  13. Giuseppe

    12 febbraio 2013 at 19:23

    Monti non è il massimo ma ha ragione. Questi due, Grillo e Casaleggio, se avranno il potere ci ridurranno come la Grecia, no che dico, la Grecia onn è il terzo mondo. La loro cultura è da terzo mondo

    Rispondi
  14. ERRE

    14 febbraio 2013 at 14:33

    Articolo sensazionalistico, stiracchiato, fazioso e inutilmente polemico. Ovvero, fuffa da dietrologi internettiani.

    D’altro canto, fa piacere vedere l’indignazione da parte degli attivisti del M5S quando la logica complottista che accomuna molti di loro gli si rivolta contro.

    Rispondi
    • Ynshitake

      16 gennaio 2014 at 01:21

      Dal programma: Riduzione del debtio pubblico con forti interventi sui costi dello Stato con il taglio degli sprechi econ l’introduzione di nuove tecnologie per consentire al cittadino l’accesso alle informazioni e aiservizi senza bisogno di intermediari . Che poi debba esserci una Commissione a occuparsene, capendo le motivazioni del pregresso per cercare di ridurlo, rappresenta solo una decisione sul mezzo, e non sul fine, che come elemento e8 indubbiamente presente nel programma. Voglio dire, non si fa una commissione parlamentare sul debtio se il fine non e8 quello di ridurlo. In ogni caso mi aspetto che il tono tranciante utilizzato nel post si traduca poi in un’effettiva richiesta ai cittadini sull’effettiva utilite0 di questa Commissione nel pieno rispetto della forma di democrazia diretta, base del M5S.Interessante comunque la tua attenzione verso la forma e non verso il contenuto 😉

      Rispondi
  15. Renato Mattei

    14 febbraio 2013 at 20:03

    Dei ciarlaltani del genere gestirebbero il Paese come hanno gestito l’azienda! Fantastico.
    Un succesco clamoroso. Lo stesso che si vede nel video. Ho letto il programma del M5S, solo dei bambini possono pensare che sia un programma. Vai Casaleggio-Grillo. Dopo la crisi ci volete voi per seppellirci definitivamente

    Rispondi
  16. steveuno

    16 febbraio 2013 at 08:47

    Non ricordo inchieste fatte da Voi fatte su Edilnord o su Edilnord Centri Residenziali o su Italcantieri o su Fininvest o la Finanziaria Investimento o Par.Ma.Fid ect. ect.

    Rispondi
  17. vedosolobaggianate

    17 febbraio 2013 at 11:37

    Bah.

    Rispondi
  18. Gianni Entusiasta

    18 febbraio 2013 at 09:23

    Bravi. Non bisogna fare sconti a nessuno. Dopo tutte le altre vostre inchieste anche questa ci voleva. Non è che la devono capire i grillini che hanno bisogno delle piazze di beoti urlanti che inneggiano alla forca. Se poi ci parli veramente vedi che hanno le stesse idee del Cirino Pomicino da giovane: il potere, apparire, diventare famosi. La gente è arrabbiata ed ha ragione, Ma questi qua sono come gli altri solo un pò più incapaci. Casaleggio, sei un vecchio rudere della prima repubblica. E Grillo con i suoi 4 milioni di euro all’anno penso non abbia grandi problemi a fare sperimentazioni con gli italiania, con la sua boria di rilvalsa spara cazzate a tutto spiano. Ma tanto gli italiani sono riusciti a scegliere Mussolini e poi Berlusconi, Figurati adesso anche quello spara cazzate di Grillo ha buone possibilità. Ma l”avete letto il programma? Non sanno dove prendere i soldi per tutte le loro cazzate. Di solito non voto ma con delle idiozie del genere mi avete convinto a recarmi al seggio. Grazie

    Rispondi
  19. Salvatore

    18 febbraio 2013 at 13:47

    Commenti di gente che non se lo aspettava, gente delusa da Grillo ecc… Prima di tutto bisogna sempre mettere in dubbio tutto…. Nessuno ha parlato di santi, messia, siamo esseri umani ed è umano sbagliare. Certo, mi piacerebbe andare a votare… Se avessia avuto la possibilità avrei votato uno come grillo, per la novità, il nuovo… Non sempre i soliti che giocano a palla con le regioni. Se grillo con il suo movimento deluderà l’ Italia e gli Italiani, allora sarà la prova che nessuno dovrà più votare.
    Ci sono troppi giochi di potere …

    Rispondi
  20. Salvatore

    18 febbraio 2013 at 14:15

    Bisogna anche pensare a ciò che vuole chi c’è dietro a Grillo.
    Si devono valutare tutti i rischi che comporta votare il movimento 5 stelle, accettarli e rischiare, secondo me.
    Voglio solo chiedere a chi ha commentato dicendo :” Di solito non voto ma con delle idiozie del genere mi avete convinto a recarmi al seggio. Grazie” …. sei un pollo ti sei fatto condizionare da un articolo sul web.
    Ora apro un blog e comincio a scrivere Troiate, e scommetto che ci sarà gente ingenua, che ci crederà e dirà a sua volta Troiate.
    Con questo non intendo che l’ articolo sopra scritto sia tale, anzi è molto interessante, solo che a differenza di qualcuno io non mi fermo sulle apparenze…. Valutare, Ricercare e non soffermarsi su singoli scritti.
    Mi sorprende che gente adulta e con una certa esperienza si faccia condizionare per così poco. E per ultima cosa, se vi fermate e non vi informate su più possibilità, andate a votare direttamente Monti (il prossimo presidente del consiglio , secondo me) oppure berlusconi o bersani… vedete voi da chi volete farvelo mettere dietro! c’è una vasta scelta!! Buna fortuna gente e Italia.

    Tanto scommetto che gli amministratori/moderatori non faranno passare il commento, magari con la scusa delle “Troiate”… una parola poco consona, vero? 😉

    Rispondi
  21. Gianni Entusiasta

    18 febbraio 2013 at 16:37

    Gentile amico io non mi faccio condizionare da nessuno. Cerco di leggere più giornali ogni giorni. Leggo sul web dall’Economist al Corriere a anche il blog di Grillo. Quando Grillo spara troiate non bisogna dirlo? Casaleggio non ha fatto buchi di bilancio? Nell’inchiesta c’è il documento. Se non hanno niente da nascondere perchè i due signori Grillo e Casaleggio non rispondono? Rispondono solo alle cagate di Favia che si candida con Ingroia. Ma lì è troppo facile. Non lo avevano poi scelto loro Favia? Non era l’enfant prodige del Movimento? Grillo non lo stimava. Non so chi voterò ma di certo non Grillo che è palese quanto sia l’ennesima accozzaglia di stronzate all’italiana. Condita dal guru balbettante. Tanto in Italia è così. Io so bene chi sta dietro a loro e quali sono gli interessi pr mandare quel poco che è rimasto di questo Paese in vacca. Siamo già sulla biuona strada. Casamai a salvarci dallo spread mandiamo Pizzarotti, il sindaco di Parma, la prossima volta, così vediamo a quanto alza le tasse. Suvvia non mi faccia ridere

    Rispondi
  22. Dimitri C.

    18 febbraio 2013 at 19:38

    Articoli fuorvianti che guarda caso sbucano alle elezioni. Ciò che conta è quello che queste persone stanno facendo per il paese, è tutto provato, è tutto reale e non mi interessa qualunque cosa sia scritta su qualunque articolo. Finiamola di farci influenzare, ragioniamo con la nostra testa!

    Rispondi
  23. Beppe

    18 febbraio 2013 at 22:47

    Signori stiamo per affrontare qualche cosa di straordinario, delle elezioni in Parlamento, un Movimento, elezioni via Web, non è mai stato fatto nulla di così straordinario. Facciamo quello che possiamo, le regole sono molte, poi stanno molto attenti se sbagliamo, bisogna non sbagliare nulla. Sarà un cambiamento epocale, duro, sbaglieremo, sbaglierò, mi accuserete di qualsiasi cosa, non lo so. Io credo che dovremmo affrontare insieme una grande cosa che stiamo facendo, ce ne renderemo conto tra qualche anno, quindi dateci una mano piuttosto che martellarci, a me e a Casaleggio, di darci delle martellate in testa, dateci consigli, una mano, abbiamo bisogno tutti uno dell’altro. Grazie.

    Rispondi
  24. Berlinguer

    19 febbraio 2013 at 07:46

    BUONGIORNO!!! OOOooooOOOoooo!!! OOOOOoOOOOooooooOOOO!!!! SONO BERLINGUER!!! MI STO RIVOLTANDO NELLA TOOOooooOOOMMMmmmmMBBBAAA!!!! E MI CHIEDO….. MA QUANTO SONO VRETINI I MIEI VECCHI DISCEPOLI CCCCOOOOMMmmUNISTI???? MMMAAAMMMAA MIA CHE POPOLO DI “PD”… CIOE’ POVERI DEFICENTI!!!!

    Rispondi
  25. Mimmo Lo Cascio

    19 febbraio 2013 at 09:05

    Speriamo per Grillo al 42% così diventiamo meglio del Congo. Poi ci vuole un pò di reddito di cittadinanza. Lo recuperiamo vendendo a peso d’oro agli americani le caccole del naso come made in Italy. Io ci sto per questo grande sogno tanto vivo di un ‘eredità e francamente non me ne frega una mazza delle vostre cagate. Poi potete sempre poi andare a Malindi a nuoto a cercare Grillo nella casa di famiglia a Malindi se il piano non funziona perfettamente

    Rispondi
  26. Marco

    26 febbraio 2013 at 21:18

    Ma per cortesia non dite stupidaggini. Avete fatto il processo alle intenzioni. Aspettiamo cosà farà il M5S in parlamento. Se faranno cavolte ci vorranno 5 minuti a perdere i voti.

    MA non diciamo fesserie

    Rispondi
  27. cristiana

    1 marzo 2013 at 01:16

    Qualche commento in alto un utente sbeffeggiava questo report dicendo che sono disinformati perchè non sanno che Grillo non prenderà il finanziamento ai partiti. Spieghiamo bene a chi non lo sa che non credo si riferisse a tale finanziamento ma alla quota data a senatori e deputati e imputabile alla metodologia di pubblicità del loro lavoro. Sul quasi decalogo di Grillo ai neo parlamentari, in fondo, c’è scritto che ogni modalità di pubblicità o comunicazione (quindi i fondi per farla) devono essere approvate da Grillo e ovviamente saranno gestite dalla Casaleggio. Non esistono solo i fondi ai partiti tanto sbandierati. Per esempio questo decalogo dice anche che i parlamentari grillini possono spendere sino ad un max di 5000 euro lordi al mese per personale, quindi proprio quei portaborse che tanto dileggia nelle piazze. Poi che la smettesse di dire che i suoi prenderanno solo una quota dello stipendio e il resto lo restituiscono, perchè sempre nello stesso documento dice che hanno cmq diritto a rimborsi viaggi, spese telefoniche, benefit vari. Certo con loro risparmieremo ma la verità raccontiamola tutta perchè altrimenti si prende solo per i fondelli la gente.

    Rispondi
  28. ewwiwa tutti sul treno

    2 marzo 2013 at 20:03

    “Avete fatto il processo alle intenzioni.
    Aspettiamo cosà farà il M5S in parlamento.
    Se faranno cavolte ci vorranno 5 minuti a perdere i voti.”

    Il problema è che il M5S da un po’ di giorni non vuole fare nulla, altrimenti si scoprirebbe nelle molteplici contraddizioni del suo programma, impossibilmente tagliato su misura per tutti. Mira a nuove elezioni per conquistare la maggioranza. E poi? Poi fa quello che gli pare. Non dico di prendere per oro colato quel che dico, ma fatevi venire almeno dei sani dubbi, se no accecati dalla giusta indignazione per la classe politica si potrebbe rischiare di rimetterci la democrazia.

    Rispondi
  29. pierluigimessana@mac.com

    2 marzo 2013 at 20:13

    Grillo non è meglio di altri, fa parte della solita merda.

    Rispondi
  30. Fernando Bellizzi

    2 marzo 2013 at 22:22

    Capita spesso che una persona abbia un’idea fissa in testa e cerchi di portarla avanti fino a che non può dimostrare di avere ragione. Steve Jobs era molto simile, leggendo la sua biografia.
    Casaleggio ha dimostrato di saper organizzare il Movimento. Ben venga. Almeno non sono tutti dilettanti allo sbaraglio.
    Costa 10 milioni di euro l’anno? Quanto costerebbe la stessa cosa fatta dallo Stato? E’ un costo chiaro, preciso e senza possibili proroghe e rifinanziamenti.
    Non capisco perchè dovrebbe essere gratuito il suo operato, se fa scandalo che chieda soldi. Sono forse soldi in nero? No.
    E che problema c’è a sapere chi c’è dietro Grillo?
    Si può dire lo stesso di tutti i partiti?

    Rispondi
  31. Nunzio

    2 marzo 2013 at 22:48

    Ma andate a cagare voi e i peli nell’uovo che cercate

    Rispondi
  32. Ferdando Billi

    3 marzo 2013 at 10:10

    Opportunismo, arrivismo e “so tutto io” ecco di cosa parliamo in sintesi se analizziamo questo nuovo fenomeno di eletti in parlamento. Poveri elettori. Forse… è quello che si merito per evolversi

    Rispondi
  33. Franco T.

    3 marzo 2013 at 12:49

    Succede che uno, come me ad esempio, voglia approfondire per capire chi siano i leader di un partito/movimento politico, perché esso ha un peso rilevante nel paese. Facendolo, scopre cose che lo lasciano un po perplesso e vuole approfondire; allora chiede spiegazioni e/o da un proprio parere; il risultato? INSULTI, PROPAGANDA se non minacce o, se proprio va bene, una pretesa di credito a scatola chiusa, perché “tanto peggio do così non può andare”. Non un dato, non una spiegazione (dovuta dico io) ma solo tanto qualunquismo. O qualcuno, per cominciare, vuole rispondere, ad esempio ad una delle domande su “reddito di cittadinanza” o microcredito alle PMI della Sicilia che ponevo qui sopra ?

    Rispondi
  34. Roby

    4 marzo 2013 at 05:06

    Un articolo ben scritto, ricco di particolari: scusa, ma dov’eri quando c’era il governo merdusconi, il governo morti? Sei tanto bravo ad investigare, peccato che non abbia letto qualche tuo articolo su personaggi legati alla mafia che sono in parlamento, corrotti, corruttori, delinquenti e quanto di peggio, sai, è facile gettare il sasso, ma una persona che abbia un minimo di correttezza oltre che deontologia, dovrebbe scrivere circa le malefatte di tutti. Non puoi, se uno dei tanti siti civetta. Roberto e Beppe sono pericolosi? Per me no, quelli pericolosi sono i vari morti, bercani, merdusca, i partiti tradizionali, coloro che ci porteranno al suicidio se non li facciamo sparire

    Rispondi
  35. Franco T.

    4 marzo 2013 at 12:28

    Si….”bla-bla….guarda gli altri….bla-bla….W Beppe, W Gianroby!….bla-bla….tutti a casa!”….per quanto potrete andare avanti prima di dover dimostrare di essere in grado di dire qualcosa che faccia nascere anche il solo sospetto che abbiate una pallida idea di cosa fare contro tutta questa “marmaglia”, gente “eletta” del M5S?…..fino a quando potrete evitare di dare qualche delucidazione su come intendete mettere in pratica ciò che vi siete proposti di fare?
    RIPETO:
    Vorreste, ad esempio, spiegarmi dove troverete la copertura per l’istituzione per il reddito di cittadinanza? E non mi si venga rispondere con un generico “con la lotta all’evasione fiscale”. Visto che vi ritenete i più competenti, sbandierando a destra e a manca i vs. titoli di studio (che poi uno può essere un eccellente neurochirurgo ma se lo metti alla guida di un’azienda non è detto che funzioni….), ci sarà pure tra di voi qualcuno che ha le competenze, che ha studiato la questione ed è in grado di rispondere con dei dati e delle proposte davvero concrete.
    Un’ultima curiosità, visto che si parla di finanziamenti alle PMI: come funziona l’erogazione dei finanziamenti alle PMI della sicilia? Avete costituito una O.N.L.U.S.? una fondazione? Chi decida quanto e a chi destinare i fondi? Secondo quali criteri? Dove bisogna inoltrare la domanda per accedere a tali finanziamenti?
    Ora, a parte le ricevute fiscali delle pizzerie che vi pagate con i vostri soldi, credo che un serio segno di trasparenza per cominciare potrebbe essere questo….il resto, perdonami ma è propaganda. Compreso l’insulso del “c’é di peggio”.

    Rispondi
  36. Salvo

    5 marzo 2013 at 14:27

    Dovete renderlo pubblico sulla stampa!!! Nazionale, se rimane nei blog pochi ne saranno informati e rimangono scettici!!!

    Rispondi
  37. riki

    5 marzo 2013 at 16:40

    Certo che non ci avete ancora capito nulla… Il PD ha perso perchè ha iniziato a fare come Berlusconi, demonizzando gli avversari e la gente ne ha piene di politici così.. E il peggio è che si insiste pure.. Continuando così si raggiunge solo un risultato certo: una nuova sconfitta. Non vi chiedete perchè Silvio tace? Purtroppo ne capisce di comunicazione e sta sogghignando davanti al suicidio del PD. Sveglia!!! Con questo metodo si è persa una battaglia vinta, Grillo svanirà da solo se ci sarà una politica degna.

    Rispondi
  38. luciano

    5 marzo 2013 at 16:57

    va bhe e quindi ? qual’ è il problema di un manager che ha fallito ? 1) chi non rischia e non porta avanti le sue idee non arriverà a nulla , 2) meglio berlusconi che è un santo ? meglio il pd che è connesso a banche , con i suoi d’ alema e fassino che sono li con la famiglia da 30 anni ? meglio fini che si fa fare consulenze da 3 mil di euro ? Meglio i leghisti che rubavano anche il pane ai poveri ? Qual’ è il problema ? La vita è fatta di insuccessi e successi , importante è come si ottengo , poi mi sembra che dopo l’ insuccesso della prima azienda ora stà avendo un successo che dimostra senza dubbio grande innovazione . Siete tutti li ad elogiare i modelli americani tipo google ( molto analogie nel vostro video ) ma quando fa comodo li usate come armi contro le persone . Comunque a me di casaleggio non interessa nulla io guardo il risultato i Fatti parlano chiaro grazie ad un fallito ed ad un comico ho la speranza che nel parlamento italiano ci siano + giovani + onesti + serietà e meno vecchi meno scilipoti – troie . Invidia fa diventare verdi

    Rispondi
  39. Gian Piero

    7 marzo 2013 at 14:18

    L’articolo è indubbiamente interessante e anche preoccupante
    ma un po’ inquiinato dall’accredine. dal fatto che non venga fornito
    ai giornali e che sia privo di una panoramica sul “merdaio” in cui
    sono immersi tutti indistintamenti da decenni i partiti politici, non
    “incapaci” di autoriformarsi ma “scientemente” determinati a mantenere
    lo status quo. Credo anche io che Enrico Berlinguer, che per primo sollevò
    la “questione morale”, si stia rivoltando nella tomba! Non mi interessano le avventure
    manageriali di Casaleggio e gli show di Grillo. Strumentalmente mi interessa
    questo sasso tirato nella palude e aspetto di vedere “sul campo” gli eletti in Parlamento, “senza vincolo di mandato”, del M5S. Non temo colpi di stato o svolte autoritarie nell’Euro-
    pa del 2000: sono spauracchi usati dai “resistenti”. Stiamo a vedere il teatrino.

    Rispondi
  40. fender

    7 marzo 2013 at 22:38

    Taci.
    Servo.

    Rispondi
  41. Mauricio

    8 marzo 2013 at 07:48

    Credo nella Chiesa dello Jeti e che il potere della besciamella possa finalmente ridare a questo Paese un pò di onestà, competenza e trasparenza. Le tredici società nel paradiso fiscale (e in uno stato blacklist come la Costa Rica) che il mio leader ha, non sono rappresentative della nostra speranza. Per questo dico facciamoli provare questi ragazzi nonostante questo video e malgrado la grande preparazione. E poi che sarà mai. La massimo emigriamo in Grecia

    Rispondi
  42. Giacomo

    13 marzo 2013 at 21:24

    Mi raccomando, continuate ad informarvi dai giornali… bella libera informazione! Se non vi fidate dei commenti sul blog della Casaleggio Associati scritti dai vistri vicini di casa, forse vi possono interessare le iniziative promosse dal M5S: acqua pubblica, no agli inceneritori e ai CIP6, no Tav, no MUOS, no MES, sviluppo eco-sostenibile, connettività gratuita (attraverso free wi-fi), rifiuti zero, bilanci partecipativi, V-day… Vorrei ricordare che quando gli attivisti vengono eletti nelle istituzioni, quasi sempre cercano di attivare in breve tempo l'”Operazione Fiato Sul Collo”, telecamere che, grazie alla diretta streaming, visualizzano le riunioni dei consigli e delle commissioni comunali e regionali. Se un cittadino interessato vuole seguire i propri rappresentanti politici può farlo con il pc o tablet, se non si possiedono tali mezzi è invece possiblile consultarsi con i membri di uno dei centinaia di Meetup o liste civiche presenti in tutto il Paese. Mi fa piacere che persone come Amorosi si interessino al mondo della rete relativo a Casaleggio, però mi piacerebbe anche ribadire la sollecitazione di Beppe a dedicare una parte della nostra vita agli altri e alla collettività, a titolo gratuito. Se tutti adottassimo questa strategia, forse vivremmo meglio. Inoltre, non mi risulta che il M5S abbia mai preso contributi pubblici (derivanti dai tributi obbligatori) come hanno fatto TUTTI gli altri partiti, ma abbia sostenuto le proprie spese attraverso donazioni volontarie. C’è da dire anche che la riduzione degli stipendi dei consiglieri regionali in Sicilia, da circa 10.000 euro al mese a 2.500 euro al mese, ha innescato un sistema favorevole allo svoluppo del micricredito per le piccole imprese locali, mentre i soldi sono depositati su un fondo regionale. Per concludere vorrei dire che il blog in questione è uno strumento di comunicazione diretta tra persone che può essere o meno consultato. Io la vedo, quindi, una opportunità in più e non un mezzo di antipolitica e populismo. Personalmente sono aperto e disponobile al confronto con i vari movimenti e i cittadini che si interessano di politica, al fine di cambiare al meglio questo meraviglioso paese.

    Rispondi
  43. Paolo

    23 aprile 2013 at 13:19

    Ho sentito Grillo parlare ed aveva una notevole forza trascinante, alla fine della campagna elettorale. Ma aveva ed ha una sola tonalità, quella di chi ha bisogno di protestare platealmente contro un potere iniquo. Ha bisogno di sottrarsi a qualunque contraddittorio “normale”, ha bisogno di un palco da cui urlare. Ha bisogno di una scenografia, altrimenti ridiventa “normale”. Chi non conosce i sistemi basati sul charisma crede in questo modello. Personalmente non credo che Grillo abbia lo spessore per essere un leader illuminate e maturo. Mi sembra che in un quadro politico italiano assolutamente demenziale ci mancava solo lui per mandare tutto in tilt. E dopo Berlusconi, che tutti ormai “conoscono,” ma ha comunque ancora la sua claque, dopo il PD che ha fatto bella mostra di sè, dopo Monti che ha distrutto l’economia perchè con tutta la sua pompa sa solo mettere tasse e null’altro (e dopo il bell’exploit dei marò lo vogliono fare ministro degli esteri!), si, ci macava proprio Grillo, e con lui Casaleggio! Già, Casaleggio; ma lui appartiene o ha fatto parte di Scientology si o no? E’ possibile avere dati chiari su questa gente oppure è pretendere troppo? Voglio sapere quale percorso ha portato Grillo e Casaleggio a fare i capopopolo, e cercare di capire se hanno una funzione positiva o no. Finora mi sembra che abbiano chiaro che la loro sopravvivenza politica è assicurata solo se si rappresentano come i paladini della giustizia, soli contro tutti. Hanno curato e curano la scenografia con molta cura. Ma da questo viene qualcosa di buono per la comunità o solo a loro?

    Rispondi
  44. giuseppe

    29 aprile 2013 at 12:12

    Mi chi e’ questo che ha fatto questo servizio eccezzionale , analizando la vita di un uomo con i suoi successi e insuccessi ? Casaleggio ha per caso rubato o ha avuto problemi con la legge ????? Che stronzate che , come mai non analizzate la vita della maggiorparte dei politici da 30 anni in parlamento , iniziando da Berlusca ??? Siete dei poveracci

    Rispondi
  45. PAPPAUA

    29 aprile 2013 at 16:27

    O PORCACCIA LA MADONNA!!!

    Rispondi
  46. Alessio

    17 maggio 2013 at 00:07

    Ma guarda che scoperta! Da quello che scrivete qui sotto si vede sempre che sempre i soliti italiani creduloni. Insomma prima abbiamo avuto un buffone (BERLUSCONI) il quale ha colmato i propri debiti entrando in politica. Oggi abbiamo un cabarettista (GRILLO) il quale invece di usare la televisione per rincoglionire gli italiani usa INTERNET per ipnotizzare i più imbecilli e rubare i soldi allo Stato Italiano. Andando per le piazze dicendo sempre le solite: “MA VE LO IMMAGINATE? MA CI PENSATE? MA E’ UNA VERGOGNA” facendo finta di strappare in capelli a un giovane spettatore che non li ha più. Mi chiedo se questa è ironia o delinquenza.
    HITLER DICEVA: ” ESSERE UN CAPO SIGNIFICA MUOVERE LE MASSE E NESSUNO LO SA FARE MEGLIO DI ME”…. Muovere… Muovere le masse
    Il nazismo del 20° secolo è uguale quello del 21° secolo. Quello del 21° secolo è gretto, volgare, anarchico, accidioso, antidemocratico e XENOFOBO.

    Rispondi
  47. Alessio

    17 maggio 2013 at 00:20

    TRUFFATORI, LADRI DEL 21° SECOLO MOVIMENTO 5 STELLE

    Rispondi
  48. enzo

    19 maggio 2013 at 17:36

    non meriti neanche un commento

    Rispondi
  49. roberto pisani

    25 maggio 2013 at 09:52

    queste cose erano e sono sempre state conosciute, chi conosce grillo lo sa che in realtà lui è il fantoccio e i grillini sono burrattini nelle mani di un fantoccioe di un burrattinaio occulto(che tanto occulto non è) ma pochi sanno che Colannino è di fatto ancora un pezzo di carne in mano a casaleggio……che poi una volta che parli con lui ,il primo istinto e dargli dell’idiota………..

    Rispondi
  50. Manuela

    25 maggio 2013 at 09:56

    Beh articolo che riuscirebbe a fare anche un liceale per un giornale scolastico, le prove dove sono? Secondo voi, poichè i partiti gli sono tutti contro e anche molte testate, non sarebbe uscito prima questo “scandalo”, e se non è uscito, non sarà che anche i partiti hanno paura che scavando scavando qualcosa di losco si scoprirà anche su di loro? Io penso che questo articolo miri appunto a “scioccare” ma in sostanza non ci sono vere e proprie risposte ai dubbi che innesca, questo articolo assomiglia a tanti altri che appaoni nel FOGLIO, LIBERO ecc, quindi senza prove non vi crederò mai, e grazie per il “grillino medio” a chi lo dice, di sicuro i grillini medi sanno essere molto più democratici di voi che infangate un movimento più grande di casaleggio e grillo messi assieme. E ancora non lo capite. Forse non lo capirete mai.

    PS. 400 mila euro donati a Mirandola cosa sono? Noccioline? C’è qualche politico che ha fatto di più con i suoi riborsi elettorali o diaria?? Bah!

    Rispondi
  51. saga

    25 maggio 2013 at 16:56

    Leggere per capire e meditare.

    Rispondi
  52. Pingback: Spontaneità e autenticità | Raimondo Bolletta |

  53. eli

    27 maggio 2013 at 22:21

    gli italiani si meritano di continuare ad essere governati dai ladri che ci hanno governato fino ad’ora!Si meritano di essere lasciati in mutande xk nn capiscono proprio nulla!

    Rispondi
  54. Sauro Giuliani

    15 giugno 2013 at 17:27

    Sauro Giuliani compositore medianico MEDIUM…(la musica nei sogni e ALTRO) ho una melodia dedicata al Cristo Messia Grillo…inno…(MESSIA A 5 STELLE) parole molto politiche musica molto clericale visita e scarica gratis al sito…. http://www.evilowl.it ALTRO ( NON SO QUANDO MA PRESTO CI SARA’ UN NUOVO…. RISORGIMENTO…..sauro giuliani detto civetta il paranormale…..

    Rispondi
  55. Roberto

    23 giugno 2013 at 15:57

    faccenda molto interessante. anche se, non ci voleva un genio per capire che grillo e casaleggio avevano tirato su sto circo per propri interessi personali. Poi le pecore li hanno seguiti pensando che stessero dalla loro parte. il m5s è destinato a fallire miseramente. ma il vero problema è: cosa ci sarà dopo il m5s? cosa si inventeranno i 2 questa volta? Poco importa, tanto di polli ce ne saranno sempre.

    Rispondi
  56. gio

    23 giugno 2013 at 21:23

    mi fate ammazzare dalle risate….e magari pensate anche di avere fatto uno scoop? Vado a dormire perchè io, domani, vado a lavorare. Andate a lavorare anche voi. Visionari.

    Rispondi
  57. gianfranco

    23 giugno 2013 at 21:35

    Questo articolo lo stamperò su carta morbida e lo userò nell’unico modo in cui può essere usato.
    Intanto preparaci la dietrologia di tutti i componenti dei governi degli ultimi 20 anni … giusto per par conditio … Tira fuori il vero schifo !!!

    Rispondi
  58. massimo meloni

    23 giugno 2013 at 21:38

    quando promettono un reddito di cittadinanza e il giorno dopo parlano di un imminente default dell italia in 5 mesi ..che avremo l energia elettrica pulita e a basso costo.. ma insomma ci vuol molto a capire che stan prendendo x culo..stan facendo i loro affari ..come tutti gli altri..

    Rispondi
  59. Renato

    24 giugno 2013 at 08:13

    Non me ne frega niente,stanno facendo le cose giuste, e io non li mollo. forza M5S

    Rispondi
  60. elisa felici

    24 giugno 2013 at 12:57

    w m5stelle w grillo w casaleggio w sognare un italia pulita w il futuro

    Rispondi
  61. rocco

    26 giugno 2013 at 15:12

    Nel paese di mafia, camorra e ndrangheta in parlamento ha tirato fuori uno scoop. Un blog demmerda come questo potevano solo crearlo dei piddini o pidiellini… a forza di mangiare merda, cominciano a goderci.

    Rispondi
  62. Gius

    30 giugno 2013 at 15:08

    Quindi un ex dipendente licenziato e che non è riuscito a trovare più lavoro per propria incapacità ci dice la verità sul suo ex datore di lavoro? Conoscete qualcuno sincero sull’ex datore di lavoro dopo essere stato licenziato? Consiglio di bloccare il dominio http://www.antonioamorosi.it visto che prende per culo gli utenti

    Rispondi
  63. luke

    8 luglio 2013 at 16:33

    scusa ma…ti sei accorto che hai scritto un sacco di sensazioni tue personali ma nemmeno una prova?

    Rispondi
  64. Maurizio

    9 luglio 2013 at 11:59

    Non avevo mai letto un catalogo di sciocchezze così lungo, tutte insieme. Forse si è battuto qualche record mondiale. E, comunque, avete dimenticato lo scandalo più grande in cui è coinvolto Casaleggio : Il crack della terza banca italiana MPS che è costata agli italiani quanto l’IMU sulla prima casa del 2012 e, cosa ancor più shoccante, le immagini delle telecamere di sicurezza che mostrano Casaleggio che spinge giù dalla finestra David Rossi, manager MPS, subito dopo una lunga telefonata con Beppe Grillo.

    Rispondi
  65. salvatore

    5 ottobre 2013 at 16:09

    Sembra tutto vero tranne la cosa più importante per fare collimare le altre.
    Questi 50 milioni di euro, in realtà sono 42 il movimento 5 stelle li ha restituiti, quindi?
    Quello che dite sono solo scemenze. Altrimenti con i fatti dovete dire chi da 10 milioni di euro l’anno a Beppe Grillo e Casaleggio

    Rispondi
  66. benedetto morello

    29 dicembre 2013 at 14:48

    Gli italiani come hanno creduto a Mussolini, ora credono a questo personaggio. La cultura e l’informazione corretta sono alla base di tutto.

    Rispondi
  67. Jadrus

    29 dicembre 2013 at 18:08

    “I cittadini si aggregano su un modello già pianificato e proposto dall’ alto. Infatti Casaleggio e Grillo fanno credere che la loro rete di attivisti sia il luogo dell’orizzontalità e della libertà assoluta, esente da censure. Ma nella realtà il Movimento comunica sul loro sito e non su un piattaforma aperta, i commenti possono essere omessi o anche manipolati dalla società al vertice, come sostengono tantissimi attivisti. E come in ogni azienda se non accetti le regole sei fuori da ogni consesso, come è successo a molti di loro.”

    MA come fate a dirlo, quali fonti avete? Dove sono i tantissimi attivisti che sostengono queste cose. Chi ha scritto questo articolo è palesemente condizionato. Chi conosce il movimento sa bene che ogni decisione viene presa in rete, che ogni situazione contraria ai principi del movimento viene discussa in rete. Ma soprattutto sappiamo ormai che la politica dei partiti è condizionata dalle lobby, dall’interesse di rimanere attaccati alle poltrone e ai propri priviilegi. L’unica forsa politica che sta lottando attivamente con risultati contro tutto questo è il movimento, chi gli va contro è ovviamente invischiato con i partiti e ha i suoi tornaconti. Non cadete in questi tranelli denigratori nei confronti dei partiti.

    Rispondi
  68. Jadrus

    29 dicembre 2013 at 18:11

    Comunque Amorosi sei un servo e mi fai pena, verrai spazzato via, farai parte del passato, e noi tutti fortunatamente ti dimenticheremo, e ci sentiremo più leggeri.

    Rispondi
  69. nunzio

    30 dicembre 2013 at 13:41

    Casaleggio o non Casaleggio, una cosa e certa che questo stato e questi governi che si sono succeduti devono sparire dalla compagine Italiana, acclarato ormai il fatto che hanno rubato massacrato l’economia italiana e ridotto l’italia in macerie, e siccome oggi Casaleggio e Grillo gli stanno facendo il culo tirano fuori dossie’ e stronzate varie, intanto e bene che il mov.5stelle ci sia e si rafforzi, altrimenti con questa politica fatta finora non si va da nessuna parte.

    Rispondi
  70. Pingback: Le verità choc su Casaleggio. Tutto quello che Grillo non dice | NUOVA RESISTENZA |

  71. giampiero

    30 dicembre 2013 at 19:54

    ogni volta che vedi un nemico dei tuoi nemici, pensi a lui come ad un tuo amico… in Italia ormai codesti dessi non solo non sono tuoi amici, ma sono terribilmente peggiori dei tuoi primi nemici. Che grillo fosse un dittatorello fascista da strapazzo era chiaro a tutti i non ingenui o ai non rancorosi… ma non sarà chiaro ormai alla sua ciurma perché imbavagliata nella spirale della squadraccia agli ordini di un capo carismatico (il solito puzzone, cioè!)

    Rispondi
  72. Maurizio

    31 dicembre 2013 at 05:29

    Dicono che pratichi anche magia nera e ipnosi e che con grillo abbiano accordi con forze aliene!!!
    Sei ridicolo dovresti scrivere su topolino li potresti distrarre l’attenzione dei bambini dalle caramelle!!!

    Rispondi
  73. Luca

    1 gennaio 2014 at 14:19

    La gente è più intelligente, comincia a informarsi BENE, comincia a volere i fatti.
    Il governo del pd e pdl (sono la stessa cosa in mano alla mafia, basta leggere i fatti veri), ci hanno portato vicini alla morte dell’Italia.
    Abbiamo i partiti corrotti (con dati di fatto) e andiamo contro al movimento 5 stelle? Chi c’è dentro il movimento 5 stelle? gente che ha fatto volontariato per capire il vero valore della vita e del bene per gli altri, fatto di chi ha portato proposte importanti in parlamento, che ogni italiano vorrebbe e che sono state bocciate da pd e pdl che addirittura erano stati votati proprio per le stesse promesse che non hanno mantenuto.
    Ma fate pure a continuare a disinformare, la gente muore con le stesse mani, ma quando il movimento 5 stelle porterà il cambiamento che non hanno mai portato pd e pdl in tanti anni? cosa racconterete? chi sarete? come vi sentirete? quanto vi vergognerete?

    Rispondi
  74. Paolo

    2 gennaio 2014 at 18:40

    Può darsi sia tutto vero, può darsi io abbia sbagliato a pensare che il M5S sia fatto di brava gente….gente comune…come noi che siamo qui con le nostre idee differenti ma credo tutti abbastanza stanchi della situazione nauseante nella quale ALTRI ci hanno buttato.
    PERO’…lasciatemi dire che quelli che ho votato io (M5S) non li ho ancora visti indagati, inquisiti, condannati, prescritti…etc.etc. Questo cmq E’ UN FATTO che nessuno può obiettare.
    Apriamo la mente non combattiamo tra di noi per “loro”….perchè sono “loro” che ci hanno messo nella merda!!! Loro che continuano TUTTI UNITI a non rinunciare A NIENTE ASSOLUTAMENTE NIENTE…ricordiamocelo TUTTI prima di votare….poi che ognuno voti ciò che crede. Ciao a tutti

    Rispondi
  75. gino

    2 gennaio 2014 at 22:25

    Zzo svegliatevi io non lo so come si fa ancora a difendere PD e pdl ma che vi dice la testa?? Schifo di cultura televisiva che ha rincoglionito un popolo… senza parole sapete tutti la verità tirate fuori un po di coerenza invece di attaccarvi alle stronzate. DISINFORMAZIONE PURA

    Rispondi
  76. Marco

    4 febbraio 2015 at 10:13

    Falsità e cose che non contano nulla di chi vuole restaurare i poteri della vecchia D.C.
    Infatti dopo la schiacciante vittoria del M5S gli ordini dei poteri forti furono perentori:” Bando alle divisioni. I cattolici dei vari schieramenti si uniscano e diano vita immediatamente ad un esecutivo che governi l’Italia.” Ordine impartito anche dalla C.E.I. DOCUMENTATEVI E STUDIATE.
    p.s. L’unica cosa a forma di uovo mi pare la testa di Antonio Amorosi.

    Rispondi
  77. o.t

    1 luglio 2015 at 22:54

    Chissà invece che interessi avrà l’autore di questo articolo..pagato da chi per buttare fango?

    Rispondi
  78. aldo arnieri

    16 aprile 2016 at 12:29

    Una sola domanda: amorosi, ma quanto sei deficiente?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *